È con immenso dolore che annunciamo la morte di Stefano Cananzi, il nostro unico e immenso ZIO TIBIA.
Ha lottato per molto tempo contro la “bestia”, con forza e coraggio, ma purtroppo ha perso l’ultima battaglia.
Insieme a lui abbiamo condiviso tanto, abbiamo riesumato lo Zio Tibia, personaggio che ha sempre amato, lo ha reinterpretato per il documentario dopo 25 anni e ora ci ha lasciato un vuoto incolmabile.
Siamo vicini alla moglie Edna e Vi ringraziamo per l’Amore che avete sempre mostrato per Zio Tibia e che mostrerete per sempre.
A noi piace ricordarlo così, nei panni dello Zietto più amato d’Italia che insieme a noi ha voluto rivestire credendo fermamente in quello che doveva essere a tutti gli effetti il tanto atteso ritorno di ZIO TIBIA.

Buona paura a tutti e sempre viva lo Zio Tibia

Grazie a tutti per il sostegno.

Ale & Max Copertino.

La TAMA.H.DEMI annuncia che nel corso della 2ª edizione del Vespertilio Awards,che si terrà il 27 maggio a Roma, sarà reso omaggio a  STEFANO CANANZI (l’attore che ha interpretato Zio Tibia) con un Vespertilio speciale che verrà consegnato alla moglie Edna Destro.
 
Un ringraziamento speciale a Tania Bizzarro, Markus Di Meglio e a tutto lo staff di Ore D’orrore per la bellissima iniziativa
Single Image
E’ la calda estate del 1989 e Italia 1 trasmette per la prima volta “Zio Tibia Picture Show”.
“Zio Tibia Picture Show”, ideato e diretto dallo scomparso Pino Pellino e scritto da Missile Molinari è stato il primo programma italiano interamente dedicato al cinema horror e curato per la parte scenografica da Cristina Lai.
Zio Tibia, personaggio ispirato ai fumetti americani degli anni 60/70 “Tales from the Crypt”, era interpretato da Stefano Cananzi e doppiato fuori campo da un memorabile Fabrizio Casadio.
Il successo della trasmissione nel 1989 fu tale che nel 1990 fu spostata in prima serata con il titolo “Venerdì con Zio Tibia” dando maggiore spazio allo humor macabro del protagonista e proponendo in prima visione tv film come “Ammazzavampiri”, “Unico indizio la luna piena”, “Il ritorno dei morti viventi”, “Vamp”, “Morte a 33 giri”… e la serie dei Telefilm di “Venerdì 13”.
Ogni film veniva presentato da Zio Tibia in compagnia del suo fedele assistente Golem manovrato da Natalino De Filippis e dell’inquietante immobile figura di nome Astragalo interpretato da Roberto Masnari, presente solo nella seconda stagione nel 1990.
Oltre agli annunci delle prime visioni che andavano in onda all’interno del programma, Zio Tibia, introduceva rubriche divertenti e macabre dal titolo “Festivalbara” e “Una rotonda di bare” che consistevano in clip montate con scene tratte da film horror sulle note di famose canzoni italiane.
Indimenticabile il sondaggio “Rigor Mortis”, con la classifica delle morti più atroci e insolite …
… il momento “Quark” caratterizzato da filmati illustrativi sui mostri più celebri dell’immaginario dell’orrore e la rubrica “Chi ti cerca”.
… la divertente rubrica a indovinello de “La Bottega degli Orrori”
Nel 2004 viene organizzato a Vigheffio (nel comune di Parma) l’evento “Il ritorno di Zio Tibia”, una sorta di Zio Tibia Live con la partecipazione dei personaggi originali del programma.
Nel 2010, presso il Castello dei Burattini di Parma avviene la donazione delle maschere di Zio Tibia e Golem con ospiti Stefano Cananzi e Cristina Lai.
- MORE ABOUT US

Ultime notizie.